Search

Carola Vai

#Parigi è arte, storia, cultura. Ma è anche #turismo. E continua esserlo anche dopo l’incendio che il tardo pomeriggio del 15 aprile 2019, ha divorato pezzi della cattedrale di Notre Dame, simbolo amato dai parigini e visitato ogni anno da milioni di persone. Per confermare il successo della capitale francese, ma anche per richiamare ospiti, il Comitato Regionale per il Turismo, CRT,  #ParisRegion con il direttore Christophe Decloux, in collaborazione con il Direttore di #AtoutFrance, Italia-Grecia, Frederic Meyer, e Barbara Lovato responsabile ufficio stampa e P.R. di #AtoutFrance hanno illustrato il territorio a #Torino, nell’elegante salone degli Svizzeri di Palazzo Reale. Presente il Console Generale di Francia Cyrille Rogeau.

All’appuntamento, organizzato nei minimi dettagli e seguito da un ricco buffet, i manager francese hanno illustrato dai microfoni cifre entusiasmanti sui risultati raggiunti dalla città della Torre Eiffel.  Per non subire eventuali affronti europei con l’eterna antagonista, la diversissima Londra, il gruppo manageriale ha parlato dell’intera regione parigina. Una destinazione che ha totalizzato 48 milioni di turisti (57 per cento francesi e 43 per cento internazionali) capaci di generare un consumo turistico di 20,8 miliardi di euro.

In prima fila ad ascoltare esiti e programmi della “Paris Region” anche l’assessore al turismo e commercio della Regione Piemonte, Vittoria Poggio, a conferma degli ottimi rapporti tra la regione subalpina e quella parigina. Del resto Torino è da tempo chiamata “la piccola Parigi d’Italia” con caffè storici, palazzi regali,  piazze eleganti, chiese e musei di fama internazionale, la Mole Antonelliana e tanto altro.

Certo Parigi è un’altra cosa, e tutto nella capitale amata da artisti di tutte le epoche parla di grandez

Frederic Meyer

za. Cifre incluse. A cominciare dal numero di siti di svago illustrati: 52 in tutta la regione dei quali 14 solo a Parigi accompagnati da 24 luoghi del turismo d’affari, un genere di turismo in grado di portare nelle casse parigine oltre 17 milioni di euro .

Il Comitato Regionale del Turismo (CRT), grazie alle risorse, agli strumenti, all’accompagnamento e alla rete aiuta talmente bene i vari viaggiatori da risultare il primo operatore della destinazione. Così “Paris Region” da tempo batte la concorrenza dominando la classifica delle destinazioni in Europa “per incontri ed eventi professionali”. E per venire incontro alle esigenze dei viaggiatori professionali, un turismo particolare che spesso affianca all’attività brevi spazi per scoprire, conoscere o rivedere “pezzi” dei luoghi dove si trova per lavoro, CRT, Viparis e Parigi Aeroporto hanno realizzato il “Pack Accueil Salons et Congres” una forma di soluzioni da presentare agli organizzatori di saloni professionali e congressi e adattata alle esigenze di un pubblico internazionale.

Christophe Decloux

Parigi, conosciuta come “La ville lumière” (città della luce) non solo perché una delle prime grandi metropoli europee ad avere l’illuminazione stradale, ma anche perché culla dell’Illuminismo, periodo che trasformò la capitale francese in un centro culturale e ideologico che per secoli ha ispirato, e continua ispirare, artisti, poeti, filosofi, vuole mantenere il primato continuando attirare l’attenzione e la visita di turisti da tutto il pianeta. La facilità di ottenere pernottamenti e servizi vari agevolano l’arrivo dei viaggiatori in gran parte attraverso viaggi individuali, mentre le attività di maggior richiamo risultano musei e monumenti. Il turismo culturale è un segmento utile all’economia della “Paris Region”, ma anche gli altri settori, in particolare lo shopping, dalle cifre illustrate nella serata torinese, creano grandi soddisfazioni.

 

 

 

Author: Carola Vai

Laureata in Lingue e Letterature straniere, giornalista e scrittrice. Ha lavorato in varie testate tra le quali: “la Gazzetta del Popolo”, “La Stampa”, “Il Mattino” di Napoli, “Il Giornale” di Montanelli. Passata all’AGI (Agenzia Giornalistica Italia) dal 1988 al 2010, è diventata responsabile della redazione regionale Piemonte-Valle d’Aosta. Relatrice e moderatore in convegni in Italia e all’estero; Consigliere dell’Ordine Giornalisti del Piemonte fino al 2010, poi componente del consiglio di amministrazione della Casagit (Cassa Autonoma Assistenza dei Giornalisti Italiani) dove attualmente è sindaco effettivo. Tra i libri scritti “Torino alluvione 2000 – Per non dimenticare” (Alpi Editrice); “Evita – regina della comunicazione” (CDG, Roma ); “In politica se vuoi un amico comprati un cane – Gli animali dei potenti” (Daniela Piazza Editore).