Search

Pier Carlo Sommo

La Carta di Courmayeur

Sabato 7 settembre a Courmayeur (AO) il Presidente della Regione Valle d’Aosta Antonio Fosson, l’Assessore all’Ambiente Albert Chatrian e il Sindaco di Courmayeur Stefano Miserocchi hanno sottoscritto la Carta di Courmayeur per gli Eventi Sportivi Sostenibili, in presenza di un rappresentante del Ministero dell’Ambiente. Il documento è stato firmato anche dagli organizzatori delle quattro competizioni aderenti all’iniziativa Ultramirage (Tunisia), Sila3vetteKeepCleanAndRun e Tor des Géants (Italia).

Sarà proprio il valdostano Tor des Géants il primo evento sportivo durante il quale verrà data attuazione alle disposizioni della Carta. firmata anche da altre associazioni che concorreranno alla promozione di questa dichiarazione di intenti e di azioni volte ad una organizzazione green degli eventi sportivi.

Presidente della Regione Antonio Fosson  ha dichiarato che con la sottoscrizione di questa Carta  sottolinea l’attenzione che la Regione volge ha verso le tematiche legate alla salvaguardia dell’ambiente. Rendere ecologicamente sostenibili eventi che portano le persone a diretto contatto con elementi naturali, come le manifestazioni sportive outdoo, Significa promuovere una cultura sportiva basata sui concetti di sostenibilità e di circolarità nell’impiego delle risorse naturali, capaci di generare impatti positivi sui territori coinvolti. Il documento nasce da un percorso iniziato da tempo in Valle d’Aosta, nello spazio di cooperazione Espace Mont-Blanc, che traccia attorno alla vetta più alta d’Europa iniziative di ampio respiro che vedono la montagna e le sue popolazioni protagoniste di azioni di tutela e di promozione delle Terre alte. L’intento è quello che la Carta possa tracciare alcune linee di buon senso che concorrano a formare una  attenta cultura ambientalista.

Il Sindaco Stefano Miserocchi ha  evidenziato la soddisfazione per il fatto che Courmayeur sia promotrice di un azione che si pone l’obiettivo, tra gli altri, di lanciare un importante messaggio passando contenuti valoriali legati allo sport, al territorio e all’ambiente, puntando sempre più sull’utilizzo corretto delle risorse e di materiali rinnovabili.

La Carta impegna i firmatari a diffondere i contenuti della carta in ogni occasione possibile coerente con i principi enunciati, adottare una definizione chiara, comune e ufficiale di eventi sportivi sostenibili, garantire che venga avviato un processo partecipato con le comunità locali che ospitano gli eventi per identificare le principali criticità degli impatti ambientali connesse alle manifestazioni sportive, le possibili soluzioni preventive e di mitigazione e i relativi ambiti di intervento.

Il documento, laddove gli eventi sportivi si svolgano in ambito montano, invita a considerare la vulnerabilità del territorio alpino e montano rispetto agli impatti dei cambiamenti climatici e verificare che vengano elaborate specifiche strategie, politiche e misure di mitigazione e adattamento, a coadiuvare gli organizzatori nel definire un quadro di riferimento adeguato che includa aspetti di natura regolamentare, incentivi e facilitazioni, affinché vengano evitati modelli di consumo non sostenibili, e a mettere in campo specifiche campagne di sensibilizzazione che promuovano la carta, rivolte ai cittadini, agli atleti, ai tifosi, ai volontari, agli organizzatori, allo scopo di aumentare il grado di consapevolezza sugli impatti diretti e indiretti degli eventi sportivi sull’ambiente.

La Carta di Courmayeur, infine, promuove il coinvolgimento e la partecipazione di tutti gli attori del territorio valdostano al raggiungimento dei target di sostenibilità ambientale, garantendo al contempo la sicurezza e la qualità degli eventi sportivi, così come l’introduzione o il rafforzamento dei programmi di educazione allo sviluppo sostenibile, anche attraverso lo sport, nelle scuole.

 

Author: Pier Carlo Sommo

Torinese, Laureato in Giurisprudenza, Master in comunicazione pubblica e Giornalista professionista. Dal 1978 si occupa di comunicazione e informazione nella pubblica amministrazione. Ha iniziato la carriera professionale presso la Confindustria Piemonte. Dopo un periodo presso l'Ufficio Studi e Legislativo della Presidenza della Regione Piemonte nel 1986 è diventato Vice Capo di Gabinetto e Responsabile Relazioni Esterne della Provincia di Torino Dal 1999 è Direttore delle Relazioni Esterne e Capo Ufficio Stampa dell'ASL Città di Torino. Autore di saggi, articoli e ricerche, ha pubblicato numerosi volumi e opuscoli dedicati alla comunicazione culturale - turistica del territorio. È docente in corsi e seminari sui problemi della comunicazione e informazione presso le società di formazione pubbliche e private e presso le Università di Torino, Siena, Bologna e Milan). È Segretario Generale dell'Associazione Italiana per la Comunicazione Pubblica e Istituzionale. Membro del Direttivo del Club di Comunicazione d'Impresa dell’Unione Industriale di Torino, dal 2005 al 2008 è stato Vice Presidente.